Contrasto alla povertà educativa: presentazione delle proposte progettuali – Regioni del Mezzogiorno

Dalle ore 12:00 di oggi 12 novembre 2020 decorrono i termini per la presentazione delle domande di selezione delle proposte, per la concessione di contributi per il contrasto alla povertà educativa, a valere sulle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione.

Obiettivo dell’Avviso è il sostegno alla realizzazione di interventi socio-educativi rivolti a minori e in particolare a quelli a rischio o in situazione di vulnerabilità (di tipo economico, sociale, culturale), o che vivono in aree e territori specifici particolarmente svantaggiati delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia caratterizzati da disagio socio-economico e difficoltà nell’accesso, adeguata fruizione o permanenza in percorsi educativi di minori per motivi di contesto sociale, familiare e fragilità individuale.

L’Avviso è rivolto  a enti del terzo settore che abbiano capacità in ambito di interventi socio-educativi per il contrasto alla povertà educativa e siano radicati nella comunità di riferimento in cui gli interventi si realizzano.

Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12:00:00 del 12 gennaio 2021, compilando correttamente ed integralmente la modulistica prevista dall’Avviso ed utilizzando esclusivamente il portale: https://terzosettore.agenziacoesione.gov.it.

Le risorse destinate al finanziamento dei progetti da selezionare ammontano a Euro 16.000.000,00 (sedicimilioni/00) a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione.

Il contributo che può essere richiesto per ciascuna proposta progettuale dovrà essere compreso fra i 250.000 e i 500.000 euro e non potrà essere superiore al 95% del costo complessivo ammissibile del Progetto.

Le richieste di chiarimento potranno essere inviate entro e non oltre 10 giorni dalla data di scadenza dei termini per la presentazione delle proposte progettuali al seguente indirizzo: terzosettore@agenziacoesione.gov.it.

Responsabile del procedimento è il Dott. Vincenzo Bruni.

FONTE: Agenzia per la Coesione Territoriale