Legge Piccoli Comuni, approvato l’elenco dei beneficiari

La legge 158 sui piccoli Comuni – approvata all’unanimità dalle Camere nel 2017 – finalmente vede una luce. La Conferenza Unificata – in data 28/01/2021 – ha approvato  l’elenco dei Comuni con meno di 5000 abitanti che potranno beneficiare dei finanziamenti previsti dalla legge – 160 milioni di euro, a oggi – e di altre risorse.

È il primo Decreto che attua dunque la legge Realacci-Borghi. Sono 5.518 i Comuni italiani individuati, che rientrano nelle seguenti tipologie previste all’articolo 1 della legge: i Comuni collocati in aree interessate da fenomeni di dissesto idrogeologico; quelli caratterizzati da marcata arretratezza economica; quelli nei quali si è verificato un significativo decremento della popolazione residente rispetto al censimento del 1981; i Comuni caratterizzati da condizioni di disagio insediativo; quelli caratterizzati da inadeguatezza dei servizi sociali essenziali, i Comuni ubicati in aree contrassegnate da difficoltà di comunicazione e dalla lontananza dai grandi centri urbani e quelli la cui popolazione residente presenta una densità non superiore a 80 abitanti per chilometro quadrato. Ancora, sono considerati piccoli e da comprendere tra i destinatari della legge, i comuni appartenenti alle Unioni di Comuni montani, quelli con territorio nel perimetro di un parco o area protetta e i Comuni nati da fusione.

Tra i Comuni selezionati nella provincia di Salerno, anche i comuni di Furore, Oliveto Citra, Pertosa e San Mauro Cilento. 

Secondo passo per la piena attuazione della legge nazionale 158/2017, è predisporre, sempre con Dpcm, il “Piano nazionale per la riqualificazione dei piccoli Comuni”, che contenga parametri e modalità di assegnazione del ‘Fondo per lo sviluppo strutturale, economico e sociale dei piccoli Comuni, destinato al finanziamento di investimenti diretti alla tutela dell’ambiente e  dei  beni  culturali,  alla  mitigazione  del rischio idrogeologico, alla salvaguardia e alla riqualificazione urbana dei centri storici, alla messa in sicurezza delle infrastrutture stradali e degli istituti scolastici nonché alla promozione dello sviluppo economico e sociale e all’insediamento di nuove attività produttive‘, previsto all’articolo 3 della legge. Il Piano deve definire le modalità per la presentazione dei progetti da parte delle Amministrazioni comunali, nonché quelle per la selezione, attraverso bandi pubblici.

Allegati

Elenco dei piccoli Comuni

Piccoli Comuni sintesi per regione

Fonte: UNCEM