Premio “La società civile contro la Covid-19”

Un riconoscimento speciale dedicato al tema “La società civile contro la Covid-19”, in cui saranno premiate iniziative di solidarietà promosse nell’UE e nel Regno Unito per combattere la pandemia di Covid-19 e attutire i suoi effetti devastanti, quest’anno sostituirà l’emblematico Premio per la società civile che il Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) assegna ogni anno.

Sarà reso omaggio alle iniziative creative ed efficaci realizzate da cittadini, organizzazioni della società civile e società private che si sono distinti per il loro contributo per far fronte all’emergenza sanitaria da Covid-19 e alle sue conseguenze, rafforzando la solidarietà europea e contribuendo a creare un’identità europea fondata su valori comuni dell’UE.

Possono candidarsi per il Premio CESE per la solidarietà civile, a parità di condizioni, le persone fisiche e gli organismi di diritto privato, alle condizioni indicate nel regolamento. Le autorità pubbliche, le organizzazioni governative e gli altri enti pubblici non sono invece considerati candidati ammissibili.

Per essere ammissibili, le iniziative devono essere già state realizzate o essere in corso. Sono ammissibili anche i progetti avviati prima dell’insorgenza della pandemia e che sono stati adattati per rispondere tempestivamente alle nuove sfide.

Sono previsti ventisette premi per progetti attuati negli Stati membri, uno per un’iniziativa realizzata nel Regno Unito e uno per un progetto con un orientamento transfrontaliero o europeo per un totale di 29 premi ed un importo di 10.000 euro ciascuno.

Il termine per la presentazione delle candidature scade il 30 settembre 2019 alle ore 12:00. 

La cerimonia di consegna dei premi si svolgerà nel gennaio 2021 durante la sessione plenaria del CESE.

Allegati:

Regolamento del premio CESE per la solidarietà civile

Informativa sulla protezione dei dati personali:Trattamento dei dati personali in relazione al Premio del CESE per la solidarietà civile

Dichiarazione sull’onore relativa ai criteri di esclusione e di ammissibilità

Approfondimenti:

Sito della Biblioteca  
Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE)

FONTE: Agenzia per la Coesione Territoriale